Confronto di numeri interi relativi

Confronto di numeri interi relativi: ecco la lezione che fa per te!

Confrontare due numeri interi relativi significa stabilire se uno è maggiore, minore o uguale ad un altro.

Ricordiamo quali sono i simboli corretti:

  • MAGGIORE: >
  • MINORE: <
  • UGUALE: =

Nella pratica si possono seguire alcune indicazioni per eseguire facilmente il confronto di numeri interi relativi.

Prima di vedere quali sono le regole da applicare, è bene precisare il significato di valore assoluto di un numero intero relativo.

Il valore assoluto (o modulo) di un numero intero relativo è il numero che si prende in considerazione senza il segno che lo precede.

Esempi:

  • + 8 → il suo valore assoluto è 8
  • – 11 → il suo valore assoluto è 11

Solitamente il valore assoluto si indica in questo modo: |- 13| = 13, cioè si racchiude il numero intero relativo tra due segni/barre verticali proprio per indicare che quel numero va considerato senza il suo segno.

Numeri interi relativi concordi

Si parla di numeri interi relativi concordi quando i numeri che si prendono in considerazione hanno lo stesso segno.

Ecco allora che tra due numeri relativi concordi positivi è maggiore quello che ha valore assoluto maggiore.

Esempi:

  • + 5 > + 2
  • + 4 < + 20

Tra due numeri relativi concordi negativi è maggiore quello che ha valore assoluto minore.

Esempi:

  • – 1 > – 4
  • – 5 < – 3

La “regola” sopra descritta per i numeri relativi concordi negativi non è sempre immediata e facile da ricordare: in altri termini, considerando la linea dei numeri, si può dire che tra due numeri relativi concordi negativi è maggiore quello che è più vicino allo 0.

linea dei numeri

Riprendendo i due esempi sopra riportati (e osservando la linea dei numeri) risulta più facile capire che – 1 > – 4 perché – 1 è più vicino allo 0 rispetto a -4; allo stesso modo, risulta più facile capire che – 5 < – 3 perché – 5 è più lontano dallo 0 rispetto a – 3.

In aggiunta a quanto affermato, due numeri relativi concordi (positivi o negativi) che hanno lo stesso valore assoluto sono uguali.

Esempi: 

  • + 7 = + 7
  • – 9 = – 9

Numeri relativi discordi

Si parla di numeri interi relativi discordi quando i numeri che si prendono in considerazione hanno segno diverso.

Ecco allora che tra due numeri relativi discordi (quindi, uno positivo e l’altro negativo) è sempre maggiore quello con segno positivo.

Esempi:

  • + 4 > – 5
  • – 12 < + 3

Vai alla pagina degli esercizi sul confronto di numeri interi relativi!

Seguici e condividi!
RSS
Follow by Email
Facebook
Facebook
Twitter
YouTube
YouTube